Benvenuti nel forum

Lo scopo di questo forum
è di dare a tutti la possibilità di esprimere la propria opinione
su ogni argomento dello scibile umano
rimanendo nel rispetto di OGNI
membro che lo compone.
L'apologia della propria religione è consentita.
Ci aspettiamo da ogni utente che si iscriverà qui,
la propria presentazione nell'apposita sezione
e l'estensione del proprio cordiale saluto a tutti gli iscritti
i quali sono invitati ad accoglierlo altrettanto cordialmente





New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page
Facebook  

"Movimento Focolari", pare che anche loro "si diano da fare".......

Last Update: 5/4/2014 3:59 PM
Author
Vote | Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 3,408
Post: 2,407
Registered in: 5/31/2007
Registered in: 8/3/2007
Gender: Male
Master User
Amministratore
5/3/2014 8:14 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote


Testimonianza di una ex "Focolarina"

ripresa da questo link:
www.sacroprofano.net/2010/12/10/movimento-dei-focolari-vietato-...



[SM=x2515800] [SM=x2515800] [SM=x2515800] [SM=x2515800] [SM=x2515800]
Movimento dei focolari – vietato pensare
Pubblicato da Uyulala on 10 dic 2010 | Tags:
movimento dei focolari, News,
PICCOLE E GRANDI STORIE, SPIRTULES, Testimonianze

Inaspettatamente ricevo anche una mail da un’altra ex gen, si chiama
Francesca, è veneta anche lei, e ha deciso di aggiungere un altro
pezzo del puzzle che a poco a poco si sta delineando, rispetto alla
vita all’interno del movimento, ai rapporti fra gli interni e i non
appartenenti al movimento, rispetto a quello che succede in chi si
allontana. Come Laryssa e come Chiara, anche Francesca è entrata nel
movimento per ragioni – per così dire – “genetiche”, portata dentro
da ragazzina o da bambina in quanto dei membri della sua famiglia ne
facevano parte.


Eccomi. Ho 30 anni e dopo una vita da gen 3 prima e gen 2 dopo, non
per mia scelta (molti membri della mia famiglia fanno parte del
movimento da anni e io mi ci sono ritrovata dentro per forza di
cose), a 22 anni ho deciso di allontanarmi da quel mondo, per
riuscire a troncare del tutto a 23 anni.
Ho trovato il blog di Donatella per caso, mentre girovagavo su
internet spinta dalla curiosità di vedere se c’era qualcuno che
parlava di quello che avevo vissuto anch’io anni prima, ho scambiato
qualche messaggio con lei e ho capito che mi avrebbe fatto piacere
raccontare anche la mia storia. C’è da dire che, come hanno notato
tutti quelli che nella loro vita hanno incontrato e poi abbandonato
il movimento, ci sono degli elementi comuni che ritornano con una
costanza impressionante: parole, atteggiamenti, sensazioni, pensieri…
Di molti di questi aspetti ho deciso di non parlare perché sarebbe
una ripetizione di cose già dette da altri, basti solo sapere che mi
rispecchio alla perfezione in tutti i racconti che ho letto di persone
che hanno abbandonato il movimento!
Tutto sommato sono uscita abbastanza indenne da quel mondo, a
differenza di altre persone che hanno avuto seri problemi, sensi di
colpa, senso di inadeguatezza, che si sono ritrovate sole e tagliate
fuori dalla vita sociale, senza più punti di riferimento, senza meta.
Il mio è stato un allontanamento graduale ma inesorabile, tante cose
che prima sopportavo o decidevo di ignorare mi sono pian piano
diventate intollerabili. La mia enorme fortuna è stata essere quella
che sono: una persona che non si accontenta di risposte pronte, che
vaglia tutto con la propria testa e il proprio spirito critico, che
non da niente per scontato, che crede in se stessa e in quello che
prova, piena di dubbi che cerca di risolvere a modo suo e non seguendo
il pensiero di massa, indipendente e poco plasmabile, se serve
indifferente alle critiche altrui. Tutto questo mi ha salvato, perché
mi ha sempre permesso di mantenere una certa autonomia rispetto a quello
che mi si voleva inculcare a forza.
Ricordo di aver sempre mal sopportato certi atteggiamenti, modi di
pensare e di parlare tipici del movimento.
Mi irritava il gergo che tutti erano invitati ad usare, fatto di termini
che io trovavo ridicoli (GIM = gesù in mezzo, accettare o fare la
volontà di dio – e su questo aspetto mi soffermerò dopo – farsi uno,
zone, zonette, focolare, perni, il bianco, l’unità, amare gesù
abbandonato, vivere i colori…) ma di cui avevo intuito lo scopo, cioè
creare un legame settario tra chi li usava, un legame che facesse
sentire unici – seppur tutti uguali come se fossero stati fatti in
serie – quelli che usavano quelle parole, una spirale del tipo:
“solo loro possono capirmi, parliamo la stessa lingua, abbiamo un
nostro codice che ci rende speciali”
che induce a parlare sempre più spesso con chi parla lo stesso codice
e a prendere le distanze dal resto del mondo.
Mi infastidiva il loro desiderio di avere sotto controllo ogni aspetto
della vita di noi gen, tanto da arrivare a imporci di organizzare la
nostra settimana con il bianco di unità, con cui andavano discussi e
decisi orari di studio, attività extra-studio o lavoro, incontri, uscite
con gli amici, e tutto quello che poteva rientrare nella quotidianità.
Accettavo a fatica che mi si dicesse cosa dovevo pensare di questo o
di quell’argomento, soprattutto per quanto riguardava scelte personali
o modi di sentire propri e intimi, specifici di ciascuna persona.
Mi infastidivano le ingerenze nella vita extra-movimento, che loro
vedevano come qualcosa da combattere perché mantenere un legame stabile
con il “resto del mondo” era pericoloso (dal loro punto di vista lo
era davvero perché avere contatti con gente fuori dal movimento e
attività non legate al movimento portava ad allontanarsi momentaneamente
da esso, con il rischio di trovare più allettante quel mondo e di
cominciare a vedere le cose da altri punti di vista meno assolutistici
e meno chiusi).
Una cosa che più di tutte non sopportavo era il loro sentirsi superiori
al resto del mondo. Loro, con la scusa che erano illuminati dall’ideale
e che agivano seguendo la volontà di dio, pensavano di essere sempre
nel giusto e si permettevano le critiche più atroci nei confronti delle
persone non facevano parte del movimento, anche se queste ultime non
avevano fatto nulla di male. Frasi come
“quel mio collega, poverino, è una bravissima persona, per carità,
niente da dire, però sai… non è del movimento”
seguite da sorrisino di pietà nei confronti del ‘bravo collega che però
è inferiore perché non conosce il movimento’ mi facevano imbestialire!!
Io, che ero cresciuta credendo che fosse giusto rispettare gli altri,
di chiunque si trattasse, indipendentemente da religione, lavoro, sesso,
razza dovevo sentir dire certe assurdità proprio da quelli che predicavano a
ma per primo e che si vantavano di essere i migliori, i più caritatevoli,
gli eletti… Il motto che ci ripetevano a oltranza era
“ricordatevi che voi non site come gli altri, voi siete NEL mondo, ma
non DEL mondo”
e io ogni volta pensavo “mi dispiace per voi ma io mi sento parte del
mondo, mi piacciono molte delle cose che esistono su questo mondo, mi
piace farne parte, viverci, girarlo, scoprirlo, mi sento integrata in
questo mondo e non mi sento superiore agli altri!”
Per anni ho cercato di adattarmi a tutto questo con grande fatica perché
lo ritenevo un voler uniformare a tutti i costi le persone e il loro modo
di essere con lo scopo di annullare personalità, spirito critico, desideri
e diversità individuali. Mettevo a tacere il fastidio che provavo nel
dire certe cose che non sentivo mie ma che sapevo che gli altri si
aspettavano dicessi, facevo finta di essere d’accordo con ogni cosa che
veniva detta (ben presto infatti avevo imparato che i dubbi non erano
ammessi, e che veniva totalmente scoraggiata la sana pratica del porsi
domande e cercare risposte e soluzioni personali), tralasciavo di
raccontare avvenimenti ed esperienze che sapevo non essere gradite… e
continuavo la mia vita come volevo io, senza farmi troppo condizionare
dal movimento.
Avevo raggiunto una sorta di compromesso con me stessa: senza mai
rinnegare quella che ero, quando stavo in ambienti del movimento o con
gente del movimento tenevo nascosti certi miei lati e non parlavo delle
mie idee e dei miei pensieri. A dire il vero mi sentivo sempre un po’
inadeguata, mi guardavo intorno e non trovavo nessun altro che vivesse il
movimento nel mio stesso modo, con dubbi e domande e insoddisfazioni,
sembravano tutti talmente contenti e immersi in quell’ambiente, nessuno
aveva cose da chiarire e risposte da trovare, nessuno mai metteva in dubbio
qualche aspetto della vita da gen, a tutti andava bene parlare usando quei
termini idioti, a tutti andava bene vestirsi come avevano consigliato
quelle pope, o leggere quello che aveva consigliato il bianco, o fare
le attività – sempre legate al movimento – suggerite da quell’altra
volontaria. Non esistevano individui con le proprie unicità, ma c’era
solo una lunga serie di ragazzi e ragazze che si somigliavano in modo
impressionante in tutto, come dei burattini, dal modo di sorridere a
quello di gesticolare, dai locali frequentati alle spese effettuate,
dai giudizi inflitti agli altri alla musica che ascoltavano.
L’inizio della rottura è avvenuto quando avevo poco più di 19 anni, con
la fine del liceo e l’inizio dell’università ero molto maturata e avevo
cominciato ad approfondire alcune amicizie che avevo da poco, bravissime
persone che frequento ancora adesso e che sono state importantissime per
me perché mi hanno fatto capire quali sono e come sono i rapporti autentici.
Insieme a questi amici facevo le cose che fanno tutti i ragazzi di quell’età:
serate in compagnia, feste, gite, qualche vacanza…
Più frequentavo questi ragazzi, più mi accorgevo che le persone “fuori”
sono più comprensive, più sincere, più spontanee, più gentili, più felici,
più serene, più realizzate… più vere! E questo all’inizio (ma solo all’inizio!)
un po’ mi scombussolava perché per anni avevano provato a farmi credere
che il resto del mondo fosse brutto e cattivo e inferiore e che ci si
poteva salvare solo facendo parte del movimento e tagliando piano piano
i ponti con tutti gli altri, e anche se non avevo mai dato troppo peso
a queste considerazioni, il condizionamento l’avevo subito lo stesso in
modo passivo.
Ben presto la voce che frequentavo regolarmente questi amici extra-movimento
è arrivata alla bianco della mia unità, prima, e alla popa responsabile di
noi gen, poi. All’inizio hanno cercato di indurmi a non frequentare più i
miei amici con metodi sottili e con mezze frasi e sorrisini falsi, facendo
leva sul fatto che facevo parte del movimento ed ero speciale e non potevo
farmi contaminare da gente comune che non condivideva il mio ideale.
Credevano di avere di fronte una ragazza come quelle con cui erano abituate
ad avere a che fare, pronta a piegarsi ai desideri e alle decisioni dei
superiori “per il suo bene” e a lasciare da parte se stessa. Io facevo
finta di non cogliere e mi tenevo stretta gli amici. Vedendo che con me
quelle tattiche non funzionavano nel tempo si è giunti a frasi del tipo
“le migliori amiche di una gen possono essere solo altre gen”,
“una gen non dovrebbe frequentare spesso persone che non siano del movimento,
non fa bene al suo cammino spirituale”,
”le persone che non sono del movimento ci influenzano in modo negativo,
perché non sono illuminate dall’ideale”,
”un maschio e una femmina non potranno mai essere amici, non esiste
l’amicizia tra ragazzo e ragazza”,
”frequentare dei maschi non fa bene, ti induce ad avere desideri impuri,
devi frequentare solo femmine per evitare certi pensieri e certi desideri”,
”il fidanzato di una gen può essere solo un gen, solo così possono vivere
il loro amore e la vita di coppia come vuole dio, nella luce dell’ideale e
con il supporto del resto del movimento”
… il tutto per cercare di farmi sentire in colpa e di allontanarmi dai miei
amici. Nello stesso periodo avevo iniziato anche a fare varie attività
(sport e volontariato soprattutto), ovviamente senza chiedere il permesso a
nessuno di loro, la mia vita era mia e se una cosa andava bene a me non
vedevo perché dovevo discuterne con chi dimostrava di conoscermi così poco
e di avere una così bassa considerazione di me, dei miei pensieri e delle
mie scelte. Questo aveva aggravato ulteriormente la mia posizione di “ribelle”,
di gen che non faceva la volontà di dio e che non si confrontava con bianchi
e pope varie prima di prendere qualsiasi decisione e di fare qualsiasi passo.
Più loro cercavano di condizionare la mia vita e le mie scelte più io mi
sentivo soffocare e mi allontanavo, raccontando sempre meno di me e
diventando sempre più insofferente ai loro tentativi di ingabbiarmi e
ricondurmi sulla retta via.
Alla fine ho smesso di andare agli incontri e ho smesso di sentire molte
persone.
Alcune, quelle che mi volevano davvero bene e mi accettavano così com’ero,
anche se agli occhi del movimento ero diventata una da isolare, pericolosa
perché non avevo accettato passivamente tutto quello che gli altri avevano
deciso per me, hanno continuato a tenersi in contatto con me.
Altre che per anni avevano fatto finta di essermi vicine hanno cominciato
a negarsi al telefono quando le chiamavo e a inventarsi scuse per non dover
avere a che fare con me. Un atteggiamento di cui avevo sempre sentito
parlare riferito alle sette, e che ora mi ritrovato a sperimentare sulla
mia pelle.
Nel tempo sono venuta a sapere che su di me giravano certe voci, che ero
considerata una poco di buono perché avevo amici maschi al di fuori del
movimento e perché nessuno sapeva cosa facevo o avevo fatto con il mio
ragazzo, visto che erano cose nostre private che non andavo di certo a
raccontare alla gente del movimento. Questo comportamento così scorretto
aveva due scopi: far credere che me n’ero andata dal movimento perché
appunto ero una persona poco seria, e far capire subdolamente che quello
era il trattamento riservato a chi se ne andava.
Mia madre all’inizio non prese bene la cosa, per lei che da sempre faceva
parte del movimento era una cosa insopportabile sapere che la propria figlia
ne era scappata a gambe levate. Non voleva che continuassi a vedere i miei
amici perché secondo lei erano stati loro a causare la rottura tra me e il
movimento, li riteneva degli “esempi negativi” nonostante li conoscesse
quasi tutti, ed entrava in ballo sempre il solito discorso
“saranno delle persone serie, rispettabili, corrette, ma non sono del
movimento…”.
Per fortuna sono riuscita a farle accettare questa cosa e anche di più,
sono riuscita a convincerla che le persone che frequentavo per me erano
speciali e che mi stavano dando molto di più di quello che mi avevano
dato i gen in anni e anni, e che soprattutto erano molto migliori dei gen
che avevo conosciuto, perché erano autentiche, vere, rispettavano il
prossimo senza le discriminazioni che anche lei aveva visto all’interno
del movimento. Altri parenti interni al movimento hanno detto di me che
“non avevo saputo vedere e accettare il progetto che dio aveva pensato per me”
e hanno preso le distanze da me, anche se in maniera velata, cominciando a
trattarmi come una povera scema che non aveva capito niente della vita e
che non sapeva cosa si perdeva e giudicando le mie scelte con cattiveria e
frecciatine continue. Alla fine sono giunti alla conclusione che non ero
adatta alla vita del movimento perché facevo parte di quella massa di sfigati
che non sono in grado di capire la volontà di dio e di portare avanti il suo
progetto di amore tramite il movimento. Sono diventata impermeabile a certi
commenti e a certi atteggiamenti, e ho preso sempre più le distanze da loro
e dalle loro vite costellate di finti sorrisi, amicizie di circostanza e
falsità talmente imponenti che si percepiscono a distanza e mi fanno sentire
a disagio.
Qualche anno dopo, quasi per caso, sono venuta a sapere che svariate altre
gen avevano abbandonato il movimento. Ho anche saputo che quasi tutte hanno
vissuto molto male la cosa perché, come era successo con me, sono state
strette in un cerchio di cattiverie, false dicerie, isolamento e sguardi
di pietà. Solo che loro non avevano alle spalle una solida base caratteriale
e non avevano amici e conoscenze al di fuori del movimento, per cui si
erano ritrovate desolatamente sole e abbandonate.
Come ho detto sopra, voglio approfondire quello che nel movimento
(in generale nell’intero mondo cattolico, ma nel movimento il concetto è
importantissimo e viene tirato in ballo ogni due per tre) viene chiamato
la volontà di dio.
In questa espressione rientra di tutto e di più : le cose belle e brutte che
succedono, ma anche quello che il movimento si aspetta che tu faccia proprio
perché qualcuno ha deciso che è volontà di dio. Non si sa come qualcuno possa
conoscere i piani di dio e il suo volere, ma a quanto pare nel movimento ci
sono decine di persone che possono vantarsi di indicare agli altri qual è il
volere di dio per loro. Così diventa volontà di dio essere costretti ad
andare ad un incontro al quale si pensava di non andare per molti motivi,
diventa volontà di dio non mettersi con il ragazzo che ti piace perché
secondo la popa non è adatto a te, diventa volontà di dio litigare con tuo
padre che non ti lascia andare al congresso.
Ma l’aspetto più abominevole riguarda la volontà di dio intesa come causa
scatenante degli avvenimenti. Muore un parente o un amico? Si perde il lavoro?
Ad un bambino viene diagnosticato un tumore? E’ tutto volontà di dio, che ha
dei piani precisi ma insondabili per ogni singola persona, e non dobbiamo
chiederci il perché, ma dobbiamo solo accettare questa sua volontà e anche
ringraziarlo per averci dato questi doni, queste sofferenze che avranno
sicuramente uno scopo.
Ma solo io ritengo una stortura pazzesca credere che un dio buono e
misericordioso come ce lo dipingono abbia la volontà di far morire di cancro
un bambino per poter attuare i suoi piani e i suoi misteriosi progetti sulle
persone? Solo io ritengo che sia assurdo pensare che dio tra le sue volontà
primarie abbia quelle di far soffrire così tante persone? E che per questo
meriti pure di essere ringraziato, perché malattie, sofferenza e morte sono
suoi doni? Capisco che sia molto meno poetico dire “mio figlio si è ammalato,
è successo e basta, sarà una cosa difficile da affrontare ma ce la metteremo
tutta” piuttosto che “mio figlio si è ammalato, dio lo ha voluto, è il suo
modo di farci capire che siamo speciali, accettiamo la sua volontà, lui
ci ama”… ma si può davvero venerare un dio che manderebbe disgrazie,
sofferenza e malattie per dimostrare il suo amore?
Nessuno sapeva dare delle risposte concrete e questi miei interrogativi,
anzi erano tutti scocciati e infastiditi da queste domande, la volontà di dio
secondo loro va solo accettata e non indagata perché noi umani non siamo in
grado di capire i piani superiori di dio e il suo modo di dimostrare l’amore
ai suoi figli. Avrei dovuto accontentarmi di risposte pronte che qualcuno
aveva già deciso essere quelle corrette per tutti. Inutile dire che non ho
mai accettato di essere messa a tacere e che i miei dubbi venissero trattati
come dei pericoli da non affrontare per nessuna ragione.
Questo è stato uno degli aspetti che per primo ha minato profondamente
la mia fiducia nel movimento e nelle persone che ai miei occhi lo
rappresentavano. Da lì è pian piano venuto anche il resto.


[SM=x2515800] [SM=x2515800] [SM=x2515800] [SM=x2515800] [SM=x2515800]



[SM=x2610547]



Piero



contatto skype: missoltino 1
I nostri amici





OFFLINE
Post: 1,554
Post: 188
Registered in: 12/18/2007
Registered in: 9/22/2009
Gender: Female
Veteran User
5/4/2014 3:59 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ahi ahi

come un sentimento di.... 'già sentito'...

Insomma il modello é il medesimo per tutti i gruppi pseudo-religiosi, tutti essendosi staccati da cattolici o protestanti pretendono di essere 'LA VERITÂ' assoluta, i veri adoratori, i prescelti, quelli fuori dal mondo e bla bla bla....

Difficile accettare e riconoscere che "ho fatto parte di una setta" [SM=g11637] [SM=g7364]
........................
"Dubitare di tutto o credere a tutto sono due soluzioni altrettanto comode che, l'una come l'altra, ci dispensano dal riflettere"
Henri Poincaré




Claudia
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 4:54 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com
Horloge pour site Orologio per sito